abbigliamento_sportivo
Abbigliamento sportivo: perchè è importante sceglierlo con attenzione.
29 maggio 2018
vegan
Dieta vegana e dieta vegetariana. Pro e contro, come gestire gli alimenti per salvaguardare la propria salute.
18 settembre 2018
Vedi tutti

Fitness: vademecum per l’estate!

vademecum_estate

Da una parte la voglia di rimettersi in forma muovendosi all’aria aperta, dall’altra la fatica di allenarsi con in caldo: ecco tutti i consigli per praticare sport al meglio anche d’estate, fra creme protettive, scelta degli orari più adatti, attenzione all’idratazione e rispetto dei propri limiti.

Estate e sport, un binomio che alcune volte non è del tutto semplice da gestire. Specie per chi pratica attività fisica saltuariamente o soltanto durante la bella stagione. Da una parte c’è la voglia di rimettersi in forma muovendosi all’aria aperta, dall’altra la fatica di allenarsi con il caldo. Farlo al meglio anche d’estate, tuttavia, non è poi così difficile: è sufficiente scegliere lo sport più adatto alle proprie esigenze, conoscere e rispettare i propri limiti, seguire alcune facili regole per evitare ogni tipo di problema, specie a livello osteoarticolare.

Gli accorgimenti utili,  sono sempre gli stessi! Ma forse è bene ricordarli alla luce di un recentissimo sondaggio che evidenzia come, chi fa sport sia, rispetto al resto della popolazione, un tantino più distratto nel salvaguardare la propria salute durante il periodo estivo. Un dato su tutti: il 79% degli atleti (professionisti e non) non applica alcuna crema protettiva; in quanto ritiene che il muoversi sotto il sole sia già di per sé più che sufficiente per non scottarsi, mentre il 17% dichiara di non farlo perché non ha tempo. Allora proviamo a riassumerli brevemente. Innanzitutto, per l’attività outdoor, privilegiamo le prime ore del mattino e il tardo pomeriggio, in modo da evitare un’eccessiva perdita d’acqua e sali minerali col sudore. Beviamo tanto prima, durante e dopo. L’acqua è più che sufficiente per reidratarci. Anche se la temperatura esterna è alta, fate sempre riscaldamento e, al termine della seduta di lavoro eseguite lo stretching. Dal momento che i processi digestivi sottraggono del sangue ai muscoli, evitare di fare attività nelle due tre ore successive ai pasti. Per evitare le vesciche ai piedi, una vera maledizione per qualsiasi atleta, usate calze ben aderenti, cercate di mantenere i piedi asciutti e, prima dell’allenamento, applicate delle pomate a base di vaselina per ridurre gli attriti da sfregamento.

 

Renzo Raffin